Una brigata italiana aiuta alla ricostruzione di un Centro della Sanità

Si stanno eseguendo riparazioni delle pareti, degli infissi e delle reti elettrica e idro sanitaria, ed inoltre ora giungerà una donazione di elettrodomestici portati da questi brigatisti solidali con l’Isola da 18 anni.

La direttrice dell’unita, Nersa Vega, ha detto alla stampa che il lavoro degli attivisti si somma al processo di ricostruzione del centro, a carico del costruttore locale, e serve per il recupero dell’infrastruttura e la riapertura dei servizi , come il laboratorio e il ricovero diurno.

“Il diabete è una delle malattie croniche di maggior crescita a Las Tunas e per questo sono importanti le installazioni per la salute e l’orientamento ai pazienti”, ha aggiunto la specialista.

La Brigata d solidarietà ha partecipato ad un incontro con gli studenti della scuola vocazionale d’arte El Cucalambé, della Facoltà di Medicina di Las Tunas ed hanno visitato la sede territoriale dell’Associazione degli Economisti e dei Contabili di Cuba.

Nel marzo del 1997 la regione italiana della Lombardia e la provincia di Las Tunas si sono gemellate e tra le varie esperienze di scambi solidali realizzati, va sottolineata la partecipazione degli attivisti europei nella “Giovanni Ardizzone”, che ha apportato i suoi lavoro per la ricostruzione di scuole, istituzioni culturali e della sanità.

Annunci